Su Temperamente

“Accordatura della stasi” – Costanza Lindi

Accordatura della stasi è la quinta silloge (la precedente l’abbiamo recensita quidi Costanza Lindi, giovane scrittrice umbra, cofondatrice dell’agenzia letteraria “Settepiani” e collaboratrice per diverse iniziative culturale nella sua Regione.

Questa raccolta è uno spazio in cui si manifesta e si esprime l’interiorità dell’autrice e il senso che assume la scrittura e la parola, più specificamente, fino a percepirne l’essenza materiale – il sangue è l’unico inchiostro.

In un mondo dove l’apparenza è tutto, la poesia è ancora il luogo del dubbio, del ricordo o del suo opposto – ogni tanto capita che non ricordo nulla – ma anche della paura – paura di amare/il caso che mi ignora – e della quotidianità, inclusa quella più meccanica, ossessiva e pigra – Mi si sporcano gli occhiali. Ogni ora./Ma non voglio pulirli.

La poesia sa concedersi al’attesa, al silenzio, alle ferite, alle scelte – Azzero tutto e conto le necessità. 
Costanza Lindi ingoia la vita e la poesia senza masticarle. È come se misurasse possibilità e occasioni mediante le parole, per fare luce su se stessa – sola aspetto/e sola mi vedo/bella a fare cose – o capire dove e come procedere – tra quattro mura avanzo/guardandomi i piedi./Come da bambina/in un walzer con il nonno – e in che maniera definirsi – Qual è il mio nome,/se non quello che concedo a me stessa.

La silloge, divisa in sei parti, edita da Kammer Edizioni in un formato tascabile e grazioso, forse allude già dal titolo Accordatura della stasi all’intenzione (o auspicio) di tirare ogni corda dell’animo umano per un arresto temporaneo, un’interruzione di quanto più o meno consciamente si va facendo. Come se la scrittura poetica fosse la strada da percorrere per raccogliere le tessere sparse di un mosaico esistenziale e identitario da comporre.

Un pretesto per andare alla ricerca di sé nelle cose del mondo che si frappongono tra noi e il tempo che scorre.

L’accordatura della stasi diviene allora una necessità. Buona lettura.

Costanza Lindi, Accordatura della stasi, Kammer Edizioni, pp. 57.

 

http://www.temperamente.it/recensioni-3/poesia/accordatura-della-stasi-costanza-lindi/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...